Alcune persone forse hanno già sentito parlare in passato di finta malattia, senza però sapere di che cosa si tratti esattamente ma soprattutto se ci sia un sistema per evitarla e scoprila per tempo. Vediamo di scoprirne subito di più e capire quale sia il ruolo di un investigatore privato Roma in tutto ciò.

Che cos’è la finta malattia

Si parla di finta malattia nel momento in cui un lavoratore dipendente invia il certificato di malattia ma, invece di stare a casa e rispettare le fasce orarie, se ne va in giro a zonzo per i fatti suoi. La malattia permette lui di stare a casa e percepire ugualmente parte del suo stipendio senza lavorare.

Si tratta di una violazione dei termini del contratto perché su ogni contratto di lavoro che si sottoscrive si accetta di non mentire sulle proprie condizioni di salute e non fare nulla che possa ostacolare il processo di guarigione.

Come si scopre la finta malattia

Dopo aver parlato brevemente della finta malattia, occorre dare due dettagli  in più su che cosa si possa fare per scoprirla. Purtroppo, spesso le richieste del datore di lavoro per delle visite a domicilio al medico dell’INPS cadono nel vuoto. Le richieste sono talmente tante ogni giorno, che molte non possono essere esaudite.

Non resta altro da fare che rivolgersi a un investigatore privato Roma esperto in indagini aziendali. Lo 007 privato non fa altro che controllare che effettivamente il dipendente che ha dichiarato di star male e consegnato il certificato medico, non stia mentendo in merito alle sue condizioni di salute, fatto che violerebbe gli accordi contrattuali e costituirebbe motivo di licenziamento senza la possibilità di appellarsi.

Un datore di lavoro potrebbe sospettare la finta malattia nel momento in cui un dipendente tende a inviare il certificato a ridosso del fine settimana proprio per farsi un cosiddetto “weekend lungo”. È quasi lecito sospettare quando il certificato arriva il giorno in cui il dipendente dovrebbe tornare dalle ferie o quando l’ufficio riapre dopo le festività comandate.