Quando si parla di rimodellare la zona dell’addome con la chirurgia estetica, si fa riferimento all’intervento di addominoplastica. Una delle preoccupazioni maggiori che affligge i pazienti che si sottopongono a questa procedura riguarda le cicatrici.

Le cicatrici dopo l’intervento

I segni residui dopo l’intervento di addominoplastica sono minimi e situate in zone in cui possono essere nascoste dalla biancheria intima. La cicatrice orizzontale, la maggiore dopo l’intervento, prende il nome di bisiliaca e può avere una lunghezza diversa in base alla quantità di grasso e pelle che si deve rimuovere per restituire un aspetto armonioso e piatto al ventre.

In seguito all’intervento, il chirurgo plastico applica i punti con una particolare tecnica che rende le cicatrici praticamente invisibili. Tuttavia, non bisogna dimenticare di medicarle e curarle come indicato dal chirurgo plastico. Se desideri avere ulteriori approfondimenti, vai su www.addominoplasticaroma.it

Come sistemare l’ombelico

Eliminando la pelle e tenendola per ottenere un ventre piatto e tonico, si va a spostare l’ombelico- il chirurgo plastico lo deve quindi riposizionare per ottenere un aspetto naturale. Fino a non molto tempo fa, diverse procedure di addominoplastica prevedevano alcune cicatrici leggermente evidenti attorno all’ombelico. In pratica, osservando bene da vicino, si poteva vedere una cicatrice circolare intorno all’ombelico.

Oggi, ovviamente, la medicina estetica ha fatto passi in avanti enormi per evitare ogni segno post operatorio. Esistono diverse tecniche a cui un valido chirurgo plastico fa ricorso oggi per riposizionare l’ombelico senza lasciare tracce o cicatrici visibili che rovinerebbero i risultati contenuti. Infatti, ha poco senso operare la zona dell’addome per averlo piatto e tonico se poi ci sono delle cicatrici che si possono vedere quando ci si mette in costume da bagno. Il risultato dell’addominoplastica è quindi perfetto, senza alcun tipo di segno visibile, nemmeno in costume da bagno sulla spiaggia.

Non bisogna mai e poi mai sottovalutare la questione del riposizionamento dell’ombelico poiché riveste un ruolo cruciale in questo intervento. Si ottiene un risultato naturale solo se l’ombelico viene sistemato correttamente senza cicatrici.